Pagina 6 Percorso

LUNGA VITA AL NUOVO INTONACO, QUANDO STESO SU UN MURO SENZA SALI

       Vai a Lavori eseguiti         Torna alla HomePage

I sali dentro un muro possono rovinare il miglior intonaco, molto presto.

Come ben dichiarato da uno dei più grandi produttori di intonaci risananti:

 
"Il Sistema . . . . contro l’umidità da risalita non elimina le cause. . . .

        Tutti gli intonaci risananti esplicano la loro funzione sino a completa saturazione salina dei macropori d’aria;

poiché la velocità di saturazione varia da caso a caso,
non e possibile prevedere la durata nel tempo dell’intonaco."

Commento: un simile intonaco viene normalmente steso su un muro pieno di sali e senza barriera.
Ma anche in presenza di una efficace barriera, un intonaco come quello sopra non da garanzie al 100%.

Infatti,  se i vecchi sali nel muro sono eccessivi, e aggiungendosi quelli nuovi provocati dall'asciugatura,
rischia ugualmente di saturarsi e crollare, anche presto.

               Al contrario, con Cocoon si hanno certezze . . . . anche risparmiando
Torna H/Page

Il Percorso:

1 Danni da sali
2 Risanare completamente
3 Cocoon succhiasali
4 La Garanzia
5 Le Barriere
6 Gli Intonaci
7 Le Pietre e i mattoni a vista
Esempi lavori
Documenti Cocoon:
- Capitolato

- Istruzioni uso

- Scheda Tecn.
- Modo azione
- Aree impiego

- Credenziali

- Brochure .pdf

Studi e Imprese raccomandate

Acquisto Cocoon

Le Schede Tecniche:
Salvare gli Intonaci Storici
Cocoon Tipo B per il Restauro
Le Efflorescenze
Solfo-mattoni
Gli Intonaci risananti 998-1R
I rinzaffi "anti-sale"
Applicazione di pasta succhiasali Cocoon a mano. Per grandi superfici può anche essere spruzzata
Applicazione di Cocoon per portare il muro a "rischio zero" di degrado
Quando si sa dalle analisi che sono stati tolti i sali da un muro,
si è certi che l'intonaco non correrà più rischi.

Perciò, non servono più rinzaffi "anti-sale", o "sistemi" a vari strati.

Cioè, non serve un costoso intonaco "risanante" dall'esito incerto.

Cocoon succhiasali più un buon semplice intonaco a calce naturale  possono costare meno di un intonaco risanante.

Una efficace barriera sarà sempre necessaria e, con il rischio di degrado ridotto a "zero", si potrà certificare una durata illimitata.
Il nuovo intonaco avrà la massima bellezza, traspirabilità, solidità e  . . . . lunga vita.
N.B. Il Servizio Tecnico offre ai suoi Clienti 2 serie di analisi - 2 campioni prima e 2 campioni dopo -
a dimostrazione del risanamento effettuato.


PROCEDURA PER RI-INTONACARE UN MURO CONTAMINATO DA SALI

1- Prelevare un campione di muro (circa 30 grammi) e far eseguire da un laboratorio
    una analisi della %tuale in peso dei sali Cloruri, Solfati, Nitrati che contiene con
    Cromatografia ionica secondo UNI 11087;

2- Rimuovere il vecchio intonaco marcio fino a 25 cm sopra l'umido,
  - fare asciugare il muro un paio di settimane;

Eseguire una barriera alla risalita, sia per asciugare il muro che per impedire ai sali di tornare.
 

3- Spazzolare a secco per rimuovere polvere, parti friabili, ecc. - NON sciacquare o
    lavare con idrogetto;

4- Applicare la pasta Cocoon succhiasali per uno spessore di almeno 1 cm;

5- Aspettare circa 15 giorni o finché la pasta, diventata un cartone, venga via a
    grandi pezzi;

6- Rimuovere il cartone contenente i sali estratti e mandarlo a discarica ordinaria;

7- Prelevare un campione di muro (circa 30 grammi) e far eseguire da un laboratorio
    una analisi della %tuale in peso dei sali Cloruri, Solfati, Nitrati che contiene con
    Cromatografia ionica secondo UNI 11087;

8- Quando ogni percentuale non supera lo 0,15%, ri-intonacare con un semplice buon intonaco tradizionale a base di calce idraulica naturale classe NHL, UNI 459.

CONSULENZA, ASSISTENZA e SERVIZIO TECNICO:
Ing. Edgardo Pinto Guerra, Sarteano (SI)
Tel: 0578 266922 - 348 705 7354  Email: edpg@mangiasali.it

Torna alla HomePage<      Vai a Pag 7 Sanare muri faccia a vista